ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
venerdì 30 Settembre 2022

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

Aeroporto e nomine AdF: Spilabotte scrive al Prefetto di Frosinone

Frosinone – Aeroporto di Frosinone. la senatrice ciociara Maria Spilaabotte ha deciso di scrivere al Prefetto di Frosinone Eugenio Soldà in merito alle nomine avvenute all'interno della società (AdF) ed alla procedura. “La presente – si legge nella missiva – per segnalarLe, mio malgrado, un fatto assai spiacevole verificatosi nei giorni scorsi a proposito delle nomine del Consiglio di Amministrazione della Società AdF (Aeroporto di Frosinone) costituita da: Provincia di Frosinone con n. 281.918 azioni; Comune di Frosinone n. 26.754 azioni; C.C.I.A.A. n. 124.995 azioni; Consorzio ASI n. 27.716 azioni; Comune di Ferentino n. 1.352 azioni. Oltre ad evidenziare che in un momento di crisi economica, dove il Governo impone forti sacrifici alle famiglie, non serve continuare a pagare una società (ADF) inconcludente ed esosa, mi pare doveroso segnalarle che L’Ente Provincia, a tutt’oggi commissariata con Decreto del Presidente della Repubblica, rappresentata dal Commissario Patrizi e da due sub commissari prefettizi, continua a destinare ingenti somme, quale ente maggioritario, alla suddetta società. La stessa AdF – prosegue Spilabotte rivolgendosi al Prefetto – non ha nemmeno più ragione di esistere visti i propri oggetti societari e considerato il fatto che la realizzazione dell’aeroporto di Frosinone come quello di Viterbo e Grazzanise, per anni tra i punti di riferimento della pianificazione ENAC del traffico del bacino laziale-campano, sono stati esclusi dall’Atto di indirizzo del Piano dello sviluppo aeroportuale del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, secondo il principio del “via i piccoli scali non indispensabili”. Stupisce dunque che nel frusinate ci si dimentichi dell’insostenibilità economica, tecnica e ambientale di una tale opera e che poco valore assumano le indagini della Corte dei Conti (ricordiamo solo la sentenza 41/2011) sulle inconcludenti attività della società ADF (Aeroporto di Frosinone), onerose per le finanze pubbliche. Sorprende anche che, nonostante l’evidente fallimento del progetto, la Provincia di Frosinone, non abbia messo in liquidità la società stessa, ma abbia addirittura proceduto alla nomina di un nuovo Presidente e CdA , tenendo in piedi un inutile “carrozzone”. Auspico, dunque – conclude la lettera della Senatrice Spilabotte – un Suo tempestivo intervento riguardo all’operato dell’Ente Provincia e al fine di poter approfondire l’argomento, Le chiedo un incontro a breve. Ringraziandola per l’attenzione, aspetto di poterLa incontrare personalmente e porgo i più distinti saluti”.